Isorella

Bimba morta per otite poteva salvarsi

Nicole, la bambina bresciana di quattro anni morta lo scorso aprile agli Spedali civili di Brescia per un'infezione dovuta ad un'otite, poteva essere salvata. Lo sottolinea la relazione dei consulenti della Procura di Brescia in una relazione. La Procura aveva iscritto nel registro degli indagati tutti i medici, 15 complessivamente, che avevano preso in cura la bambina passata dalla pediatra di famiglia, dall'ospedale di Manerbio (Brescia), dalla Clinica Poliambulanza di Brescia e infine dagli Spedali civili. Un ruolo fondamentale l'avrebbe avuto la pediatra la cui condotta è stata definita "superficiale e poco accorta".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie